torna alla pagina iniziale scrivi una e-mail
vai alla home page
la  posizione geografica
il parroco
la parrocchia
gli organismi parrocchiali
le comunicazioni
i gruppi
i contatti
torna alla sezione comunicazione


Ambone


Francesco


Giovanni

 

 

PAPA FRANCESCO A CASSANO


«Cor magis tibi Castrivillarum pandit»!

Carissimo Papa Francesco,

quando, in occasione della nomina “ad interim” del nostro caro Vescovo, don Nunzio Galantino, a Segretario Generale della CEI, abbiamo sentito dalle Tue labbra “chiedere scusa” a noi della Diocesi di Cassano all’Jonio, per averci, temporaneamente “sottratto” il nostro amato Pastore, preannunciandoci, nello stesso tempo, una sorta di “riparazione”, abbiamo incominciato a pensare che qualcosa di straordinario stesse per avvenire nella Storia individuale di ciascuno di noi e del nostro lembo di terra del nord della Calabria!
Una Tua visita era già, dunque, nell’aria. Con ansia, attendevamo, così, l’annunzio ufficiale che, avvenuto dopo qualche tempo, ci ha colmati di gioia, di emozione e di gratitudine.
“Il Dolce Cristo in Terra”, come chiamava il Papa S. Caterina da Siena, sarebbe venuto fra noi, nelle nostre contrade, avrebbe ammirato, stupito, le nostre montagne, il “greco mar”, le colline ricche di frutti, le pianure cariche di millenaria gloriosa Storia. E avrebbe conosciuto le nostre miserie, le nostre ferite, i nostri dolori, le nostre speranze, le nostre gioie.
Avrebbe scoperto la nostra Fede, avrebbe letto nei nostri cuori l’Amore incrollabile per il Figlio di Dio e per Sua Madre, anche attraverso la contemplazione delle antiche Chiese e dei Santuari, di cui è costellano il nostro territorio diocesano.
Soprattutto noi di Castrovillari, il più popoloso centro della nostra amata Diocesi di Cassano all’Jonio, Città carica di storia posta sotto lo sguardo materno della Madonna del Castello, venerata da circa un millennio nell’omonimo Santuario, abbiamo capito che Ti saresti fermato da noi per versare “l’olio”, come il Buon Samaritano, sulle ferite dei nostri fratelli detenuti nella Casa Circondariale, nella quale si vivono drammi inenarrabili, tristemente noti, ormai, anche a livello nazionale, alcuni dei quali hanno turbato anche il Tuo nobile Cuore!
Sappiamo che non sarà possibile una Tua visita nelle nostre case, nel nostro Ospedale, nelle nostre Case di Riposo, nelle Scuole, nelle Caserme, nei numerosissimi Uffici pubblici, ma siamo certissimi che ognuno di noi è presente nel Tuo Cuore di Padre, con le sue gioie, i suoi dolori, i suoi drammi, le sue aspettative.
Sappiamo che sei vicino e preghi per gli anziani, per gli ammalati, per coloro che soffrono in solitudine, per i giovani, ai quali spesso la vita non sorride, per i lavoratori, per coloro i quali hanno perso il lavoro, per i disoccupati, gli afflitti, i derelitti, per i poveri. Ecco perché nutriamo fiducia nella Tua Attenzione, come in Gesù quando affermava “ misereor super turbas “.
Ti apriamo le porte della nostra Città, che Tu sorvolerai, ammirandola dall’alto, e Ti spalanchiamo gli usci delle nostre case e dei nostri cuori: ricordaci le Parole del Maestro “Venite a Me voi tutti che siete affaticati ed oppressi ed Io vi ristorerò”. Lascia un’impronta indelebile del Tuo passaggio fra noi, come fece S. Francesco di Paola sul Monte S. Angelo, da cui benedisse la Calabria, prima di partire per la Francia. Custodisci nei tuoi pensieri noi, che per millenni abbiamo atteso, implorato ed ottenuto, per Grazia di Dio e della Sede Apostolica, una visita di Pietro. È con immensa gioia, perciò, che Ti accogliamo con queste espressioni, idealmente scritte sulla porta della nostra Città : «Cor magis tibi Castrivillarum pandit»!

Sac. Carmine De Franco

 

DA CASSANO A SIBARI :
come da Gerusalemme a Gerico.
una sosta che parla più
di tante Encicliche e piani pastorali

Lei, Santo Padre Francesco, piegandosi su quella bambina ammalata che aspettava all’argine della strada, ha esteso la sua tenerezza su tutti i sofferenti dell’amata terra di Calabria.
Un gesto che invita ogni uomo o donna di buona volontà, ma soprattutto i consacrati, a parlare di Cristo con la vita, ossia con gesti semplici, concreti, ordinari, ma che assumano una dimensione straordinaria perché sono rivolti a Gesù Cristo nel fratello o sorella sofferente.
Sarebbe bello se questo episodio, fosse ricordato, in quel punto, con una stele ad perpetuam rei memoriam, con queste parole: ”Qui si fermò, il 21 giugno 2014, Papa Francesco, Buon Samaritano in terra di Calabria per versare l’olio della consolazione su una sorella sofferente “.
Grazie Francesco, ancora una volta, per questo tsunami di Grazia, come dice il nostro Vescovo don Nunzio Galantino, autore di questo sommovimento, che Dio, con la Sua venuta in mezzo a noi, ha riversato su tutta la gente di Calabria.
Santità, il suo messaggio ha scosso le coscienze della gente di Calabria: "Quelli che non sono in questa strada di bene, come i mafiosi, questi non sono in comunione con Dio, sono scomunicati".
Caro Papa Francesco, il suo grido di dolore, nella piana di Sibari, ricorda l’urlo di Giovanni Paolo II nella valle dei templi ad Agrigento: “mafiosi convertitevi! Una volta, un giorno verrà il giudizio di Dio!”.
A nessuno sfugge che la criminalità organizzata è un funesto movimento culturale che ha inciso negativamente nelle coscienze, radicandosi fortemente nel tessuto sociale in generale. Questo è un fatto di cui la Chiesa della nuova evangelizzazione, a mio prudente parere, deve tenere conto, uscendo dal Cenacolo, stando sulla strada fra la gente per plasmare le coscienze con la testimonianza e la parola buona del Vangelo, usando tutti mezzi che anche la tecnica mette a disposizione e poi avere la pazienza di aspettare. Lo ricordava l’Arcivescovo di Potenza, Servo di Dio Augusto Bertazzoni: Se vuoi raccogliere nell’anno, semina grano; se vuoi raccogliere nei decenni, pianta alberi; se vuoi raccogliere nei secoli, forma le coscienze.
La Sibaritide, in passato è stata faro di civiltà per il vecchio continente e oltre, per l’evento vissuto con Papa Francesco, è ritornata ad essere bema per messaggi di pace e di speranza non solo per la Calabria, ma per il mondo.


 

Sac. Carmine De Franco

 
   

vai all'inizio pagina

 

start control statistic web  5 ottobre 2007

     

optimized internet explorer

web project management © Web Study

view 800 X 600